Sanniti - Iscrizione con dedica alla vittoria da Pietrabbondante.
SANNITI

 
LAMINA CON DEDICA DI DONO ALLA
VITTORIA DA PIETRABBONDANTE
Adriano La Regina
 
Dedica di dono alla vittoria da  Pietrabbondante

 



Incisa su lastrina bronzea priva dell'estremitā sinistra, il reperto č alto cm. 4,2 e lungo cm. 13,5 ed č attraversato da un foro nell'angolo inferiore destro.
Fu rinvenuta sul basolato della stradina alla sinistra del Tempio B di Pietrabbondante, presso la vasca di pietra.
La trascrizione in latino č la seguente:

Maras Staius Banti f.
Lucius Decitius Maraei f.
Victoriae donum dederunt


Non sappiamo quanto fosse lunga la parte mancante del bronzo; il testo poteva per tanto terminare con le integrazioni date sopra, ovvero poteva anche contenere l'indicazione della carica dei due personaggi e, al terzo rigo, la parola "brateis" = grati, come nella dedica di Vastogirardi.
Il dono a cui la dedica si riferisce era stato collocato nel Tempio B, come si puō arguire dal sito di rinvenimento. Nella parola vėkturraė il nesso -kt- in luogo di -ht- sembra denotare un influsso latino.
Il dono era stato offerto da due magistrati accomunati in qualche impresa della Guerra Sociale (dal 91 all'88 a.C.) ed appartenenti a famiglie sannitiche di elevatissima condizione sociale.


Tratto da "Sannio. Pentri e Frentani dal IV al I secolo a.C." - Roma 1980

 

 

 

Le altre epigrafi da Pietrabbondante Epigrafia osca Iscrizioni osche da Alfedena e Castel di Sangro

Storia dei Sanniti e del Sannio - Davide Monaco - Isernia
ARCHITETTO DAVIDE MONACO